Giugliano, encomiabile il rispetto mostrato verso l’Aversa Normanna

GIUGLIANO CALCIO – Quella della scorsa domenica è stata una giornata di festa in casa Giugliano, con la Frattese riacciuffata e l’obiettivo spareggio raggiunto. Il 28 aprile (sede non ancora decisa) si terrà l’evento più importante nella storia calcistica recente della piazza. I festeggiamenti hanno sovrastato, com’era giusto che fosse, qualsiasi analisi tecnica e/o tattica, anche perché, ad onor del vero, dinanzi ad una vittoria per nove reti a due il margine di discussione era ridotto.

Il punto sul quale occorre soffermarsi, oltre che i festeggiamenti già citati, è un altro e non riguarda strettamente il dato numerico oppure il riferimento ad un preciso momento del match. Il Giugliano ha giocato una partita terminata prima ancora di cominciare, seppur questo sport abbia dato a più riprese lezioni circa la propria imprevedibilità.

L’Aversa Normanna, società con un importante passato alle spalle ma condannata oramai da settimane, ha messo in campo tanti prospetti di belle speranze ma dalla fisiologica inferiorità fisica prima ancora che tecnica. La partita è stata messa in archivio dopo mezz’ora di gioco, e c’era la concreta possibilità di giochicchiare, come si suol dire, fino al triplice fischio.

Così non è stato, i Tigrotti hanno onorato l’impegno, mostrando grande rispetto verso l’avversario. Le partite sono fatte per essere giocate e una sterile melina non avrebbe reso giustizia ai normanni scesi in campo, che in questa stagione hanno pagato colpe non a loro imputabili.

Nella festa domenicale, nel cielo gialloblu sopra Lusciano, la vittoria del Giugliano scopre un altro lato, quello umano ed etico. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.