Giugliano-Savoia, le pagelle: Tarascio ultimo a mollare, fase offensiva inconsistente

Netta sconfitta quella patita dal Giugliano tra le mura amiche contro un buon Savoia. Ecco le pagelle del match secondo la nostra redazione.

Mola 5.5 – Tiene in piedi la baracca ma pecca in occasione del terzo gol, dove mostra insicurezza. La prestazione, ad ogni modo, resta tra le più positive.

Micillo 5.5 – L’impegno è sempre massimo, ma quest’oggi non riesce a essere esplosivo come ha abituato. La sua duttilità va sfruttata ma non  deve generare confusione, com’è parso nel match odierno. Più posizioni ricoperte, poca chiarezza che traspariva in primis dal ragazzo (dall’86’ Gaeta S.V.).

Stendardo 5 – Le letture sono quelle di un calciatore che straborda di esperienza, ed è fondamentale avere un profilo così per guidare il reparto. Il dinamismo, però, non è una caratteristica del suo gioco e questa lacuna viene amplificata contro avversari, come il Savoia, con attaccanti abili sia a puntare che ad attaccare la profondità.

Russo 5 – Impreciso, a tratti distratto, poco combattivo. Le responsabilità, ovviamente, vanno divise. Il difensore centrale classe ’92 si sta inserendo nel nuovo contesto e ha bisogno di qualche altra partita.

De Siena 5 – Soffre le sortite degli avversari sulla fascia destra, ha margini di miglioramento sia nell’uno contro uno che nelle giocate di reparto, ma oggi la prestazione non è positiva.

Foti 5 – Gli viene chiesto di dettare i tempi e velocizzare o rallentare la manovra in base alla circostanza. Gli riesce poco di tutto ciò ma, anche in questo caso, il tempo deve essere un alleato (ma non una scusa, il lavoro da fare resta corposo). Il tecnico lo richiama in panchina (dal 65′ Capone 6 – Ingresso positivo, porta polmoni e abnegazione. Cerca di svegliare i suoi, lancia segnali positivi in vista dei prossimi incontri).

Tarascio 6 – Fondamentale. Senza i suoi polmoni, il suo carisma e qualche tentativo dalla distanza, il Giugliano probabilmente oggi sarebbe uscito dal campo con un passivo peggiore. Anche quando non brilla resta imprescindibile per le qualità tecniche e attitudinali.

Aiello 5 – Carannante affida al giovane classe 2002 un compito importante, dato che è chiamato a giocare a tutta fascia per rendere elastico lo schieramento. Pesa l’errore che porta al gol di Orlando e qualche imprecisione di troppo, ma la dedizione non è mancata. Da segnalare un interessante inserimento che avrebbe permesso a Poziello di andare in gol se l’arbitro non avesse fischiato un fallo in attacco (dal 74′ Granato S.V.).

Puccinelli 4.5 – Prestazione difficile da commentare. Il classe ’92 è parso spento ma anche, se non soprattutto, spaesato. Essendo appena la seconda partita in gialloblu, i miglioramenti potranno e dovranno arrivare attraverso il lavoro (dal 56′ Carnicelli 5.5 – Porta un pizzico di elettricità nella manovra, l’approccio è quello giusto. Pecca di precisione ed è esageratamente frenetico, ma i ritmi blandi palesati quest’oggi dal Giugliano necessitavano di una simile scossa).

Poziello 5.5 – Il più vivace assieme a Tarascio, l’arbitro gli annulla un gol per un fallo commesso da Aiello. Oltre questo episodio e il dinamismo citato, poco altro: non riesce a incidere.

Fernandez 5 – Lotta quando ha la possibilità, ma senza palloni giocabili è difficile chiedergli magie. Giornata da dimenticare, ma la responsabilità della sterilità offensiva non può essere esclusivamente sua.

Carannante 5 – Premessa: le tante pause e l’incertezza che accompagnano questo periodo che tutti viviamo non aiutano. Difficile trovare tranquillità, ancora più complicato ordinare il lavoro come andrebbe fatto. Detto ciò, non ci siamo: sembrerà paradossale dato il risultato, ma il Giugliano sembra avere più certezze quando bisogna difendere che quando c’è da proporre. Contro il Savoia si può perdere, ma le differenze tecniche non possono essere l’unica spiegazione quando si ha difficoltà ad arrivare sulla trequarti avversaria. I Tigrotti ad oggi faticano a macinare il gioco e le occasioni sembrano estemporanee più che elaborate. Una situazione di impasse dal quale bisogna uscire quanto prima.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.