Giugliano vs ACR Messina, le pagelle: Orefice e Liccardo di un’altra categoria, Mola salva il risultato

PAGELLE GIUGLIANO ACR MESSINA / Il Giugliano chiude il 2019 con un’importante vittoria contro l’ostico ACR Messina. Ecco le pagelle dei Tigrotti secondo la nostra redazione.

Mola 8 – Difficile mettere una pezza sul gol di Crucitti, ma la vittoria porta la sua firma grazie al rigore parato a Rossetti. Quando vede il Messina decide di diventare Batman, superlativo.

D’Ausilio 5.5 – Nel primo tempo l’ACR Messina sfonda in particolar modo dal suo lato. Nella ripresa la sua partita è in crescendo ma nella valutazione pesa il fallo da rigore che rischia di complicare le cose.

Micillo 7 – Ottima prestazione per il laterale gialloblu. Agovino gli chiede una spinta costante sull’out di destra che implica la tendenza ad accentrarsi dell’altro terzino, così da garantire compattezza alla linea difensiva e permettere all’ex Napoli di dare il 100% quando bisogna supportare le transizioni offensive. Compiti, quest’oggi, adempiuti magistralmente.

Di Girolamo 6 – La prestazione è caratterizzata da precisione nelle chiusure e personalità, da sottolineare un’intesa con Impagliazzo che ogni domenica riscopre la propria miglior versione. Il cartellino rosso è una macchia che, fortunatamente, non ha pesato ai fini del risultato. Parliamo di un calciatore esemplare in campo e fuori, ergo è doveroso sottolineare la sporadicità dell’evento.

Impagliazzo 7 – Preciso nelle chiusure, il Messina non offende praticamente mai centralmente. La sua crescita è sotto gli occhi di tutti.

Tarascio 7.5 – È ovunque. Il centrocampista sta cercando di lasciarsi alle spalle i problemi fisici e dimostra che, quando in condizione, è una colonna portante di questo Giugliano. Attacca, difende, supporta in fase difensiva e funge da incursore quando c’è da eludere la copertura avversaria.

Liccardo 8 – Il Giugliano viaggia seguendo i suoi ritmi, i tempi delle giocate del capitano incidono sulla manovra del suo complesso. Offre il proprio contributo anche da difensore centrale quando la squadra resta in dieci. Encomiabile.

Logoluso 6 – La prestazione non è della stessa qualità rispetto alla settimana scorsa, ma cerca ugualmente di mettere ordine in fase di impostazione e offrire al gruppo la propria disposizione al sacrificio.

Caso Naturale 6 – Non è incisivo come in altre occasioni, ma la sua sola presenza in campo dà la sensazione di stimolare i compagni nella ricerca dell’aggressione agli avversari. È una figura proattiva, il cui contributo alle volte travalica il confine della semplice occasione da gol.

Orefice 8 – Spaziale. Difficile trovare un altro aggettivo per descrivere la sua prova. Due gol, tante giocate e un’infinità di talento. Le sensazioni sono diventate realtà: questo ragazzo, con la dovuta stabilità mentale, fisica e attitudinale, potrà dare molto al Giugliano. Per la seconda domenica consecutiva, un suo movimento porta l’avversario al fallo da rosso. Sa in anticipo cosa fare, è abile con e senza palla e ha tecnica sopraffina. Il secondo gol è un mix di eleganza, intelligenza ed efficacia. Gli elementi per scrivere una storia importante ci sono tutti. Fuori tra meritatissimi applausi (dall’87’ Del Prete S.V. – La sua gamba è importante negli ultimi minuti, dove il Giugliano è chiamato a difendere con le unghie e con i denti il risultato).

Ragosta 6.5 – Meno inciviso rispetto ad Acireale, la sua capacità associativa è comunque un’arma importante per questo Giugliano. Conferma le impressioni avute: ha fatto suoi rapidamente determinati meccanismi. Ha qualità tecniche che, abbinate alla personalità che lo contraddistingue, saranno più che utili nel girone di ritorno (dal 71′ Esposito 5.5 – Si vede poco, seppur sia legittimo sottolineare come il suo ingresso sia avvenuto pochi minuti prima dell’inizio del momento più difficile della partita per i Tigrotti. Deputato a lottare e far salire la squadra, a stretto giro si farà apprezzare anche per le qualità offensive che hanno caratterizzato la sua carriera).

Agovino 7 – Vincere contro Acireale e ACR Messina non è da tutti, soprattutto da neopromossa. Il suo Giugliano chiude un girone d’andata nettamente positivo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.